News

Pensioni 2016: notizie brutte, buone e così così

Novità poco piacevoli per il 2016 per tutti i lavoratori che si approssimano alla pensione:

  • Ci vogliono 4 mesi di lavoro in più per andare in pensione;
  • Chi riuscirà ad andare in pensione riceverà una pensione del 2% inferiore rispetto a chi è andato in pensione entro il 2015.

Il DM 16 dicembre 2014 adegua infatti tutti i requisiti di tute le pensioni alla cosiddetta “speranza di vita” mentre il DM 22 giugno 2015 ha fissato i coefficienti di calcolo delle pensioni validi nel triennio 2016/2018.

A queste novità si aggiunge l’adeguamento già stabilito dalla riforma Fornero (Legge 214/2011) per le lavoratrici donne autonome e dipendenti del settore privato. Il risultato per loro è che il periodo per andare in pensione:

  • Sale di 1 anno e 4 mesi per le autonome e
  • Sale di 1 anno e 10 mesi per le lavoratrici del settore privato.

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

Tipo di lavoratore Anzianità contributiva al 31 dicembre 1995 Contributi versati per anni

Età minima per andare in pensione

dal 01/01/2016

Lavoratotrici del settore privato

20

65 anni e 7 mesi
Lavoratotrici autonome e iscritte alla gestione separata inps

20

66 anni e 1 mese
Lavoratori dipendenti e lavoratrici dipendenti del settore pubblico, lavoratori dipendenti del settore privato, lavoratori autonomi e lavoratori iscritti alla gestione separata del settore privato

20

66 anni e 7 mesi
Lavoratrici dipendenti del settore privato No 20 65 anni e 7 mesi
Lavoratrici autonome e le lavoratrici iscritte alla gestione separata No 20 66 anni e 1 mese a condizione che l’importo della pensione risulti non inferiore a 644,12 euro mensili
Lavoratori dipendenti (privato e pubblico), le lavoratrici dipendenti del settore pubblico, i lavoratori autonomi e i lavoratori iscritti alla gestione separata No 20 66 anni e 7 mesi a condizione che l’importo della pensione risulti non inferiore a 644,12 euro mensili
In assenza dei requisiti sopra indicati No 5

70 anni e 7 mesi

 

LA PENSIONE ANTICIPATA

Tipo di lavoratore Anzianità contributiva al 31 dicembre 1995 Contributi versati per anni

Età minima per andare in pensione

dal 01/01/2016

Uomini 42 anni e 10 mesi Nessun requisito di età
Donne 41 anni e 10 mesi Nessun requisito di età
Uomini No 42 anni e 10 mesi Nessun requisito di età
Donne No 41 anni e 10 mesi Nessun requisito di età
Tutti: uomini e donne in alternativa a quanto sopra No 20 anni 63 anni e 7 mesi

 

Per i soggetti che hanno svolto lavori usuranti (mansioni particolarmente faticose o pesanti, turnisti di notte, ecc.) le regole sono più morbide e i tempi per andare in pensione sono più corti.

 

BUONE NOTIZIE E NOTIZIE COSÌ COSÌ

In questo marasma di novità si segnala una buona notizia: la vita media si allunga.

L’Italia ha un livello di speranza di vita tra i più elevati in Europa e la longevità continua ad aumentare.

L’Italia diventa il primo paese in Europa per la più elevata speranza di vita degli uomini (80,3 anni – stima Eurostat).

Rispetto alla media dei 28 paesi europei (80,6 anni) nel nostro paese la vita media attesa della popolazione in complesso è più lunga di almeno 1 anno e mezzo, attestandosi al secondo posto della graduatoria (82,9 anni) dopo la Spagna.

Inoltre, la speranza di vita delle donne continua a collocarsi al terzo posto (85,2 anni), dopo Spagna (86,1 anni) e Francia (85,6 anni).

La mortalità infantile decresce ancora, come pure la mortalità per incidenti da mezzi di trasporto dei giovani, soprattutto tra i maschi, e quella per tumori maligni tra gli adulti. Migliorano inoltre le condizioni di salute fisica.

Qualche andamento positivo si evidenzia anche sul fronte degli stili di vita, con il consolidarsi della riduzione progressiva di fumatori e di consumatori di alcol a rischio.

In un simile contesto si rilevano tuttavia alcune criticità di sicura rilevanza. In primo luogo, non migliora la qualità della sopravvivenza e si registra un peggioramento del benessere psicologico.

Si riconferma la tendenza all’aumento della mortalità per demenze e malattie del sistema nervoso tra gli anziani, e soprattutto tra i grandi anziani. Il rilevante carico assistenziale che queste patologie comportano sulle famiglie e sui servizi socio-sanitari si può rivelare di difficile sostenibilità sociale ed economica, riflettendosi negativamente sulla qualità della vita, non solo dei malati ma anche dei loro familiari.

Continuano ad essere diffusi sedentarietà, eccesso di peso e un non adeguato consumo di frutta e verdura.

Le donne hanno da sempre un vantaggio in termini di sopravvivenza rispetto agli uomini, dai quali si distinguono anche per una maggiore propensione alla prevenzione e agli stili di vita più salutari. In termini di qualità della sopravvivenza, invece, sono più spesso penalizzate da patologie che comportano limitazioni nelle attività che le persone abitualmente svolgono.

Condividi:

Altri articoli

BONUS TRASPORTI

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha lanciato nei giorni scorsi la campagna informativa sul “Bonus trasporti”, l’agevolazione per acquistare un abbonamento mensile,

AL VIA LE DOMANDE AI BANDI DISEGNI+

È imminente l’apertura degli sportelli per l’edizione 2022 dei bandi Brevetti+, Disegni+ e Marchi+, destinati al finanziamento di progetti di valorizzazione delle privative industriali, a

AL VIA LE DOMANDE AI BANDI MARCHI+

È imminente l’apertura degli sportelli per l’edizione 2022 dei bandi Brevetti+, Disegni+ e Marchi+, destinati al finanziamento di progetti di valorizzazione delle privative industriali, afavore